Reumabase.it
Xagena Mappa
Reumatologia
Xagena Newsletter

Dapansutrile, un inibitore selettivo orale dell'inflammasoma NLRP3, per il trattamento delle riacutizzazioni della gotta


Le riacutizzazioni della gotta sono guidate dall'interleuchina ( IL )-1beta. Dapansutrile inibisce l'inflammasoma NLRP3 e la successiva attivazione di IL-1beta.

E' stata studiata la sicurezza e l'efficacia della Dapansutrile somministrata per os nei pazienti con riacutizzazione della gotta.

In uno studio di fase 2a in aperto, i pazienti adulti di età compresa tra 18 e 80 anni con una esacerbazione della gotta monoarticolare provata da cristalli di urato monosodico sono stati arruolati in una clinica ambulatoriale nei Paesi Bassi e assegnati a ricevere 100 mg/die, 300 mg/die, 1.000 mg/die o 2.000 mg/die di Dapansutrile orale per 8 giorni.

Gli esiti coprimari sono stati il ​​cambiamento nel dolore articolare target riportato dal paziente dal basale al giorno 3 e dal basale al giorno 7, valutato nella popolazione per protocollo ( tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno l'80% del farmaco in studio e non hanno presentato deviazioni dal protocollo principale ).
La sicurezza è stata valutata nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2017 e il 2019, 144 pazienti sono stati valutati per l'idoneità, di cui 34 sono stati arruolati e 29 sono stati inclusi nella popolazione per protocollo ( 3 pazienti sono stati esclusi a causa dell’assunzione di meno dell’80% del farmaco in studio e 2 hanno avuto importanti deviazioni dal protocollo ): 8 pazienti hanno ricevuto 100 mg/die, 7 hanno ricevuto 300 mg/die, 6 hanno ricevuto 1.000 mg/die e 8 hanno ricevuto 2.000 mg/die.

Tra il basale e il giorno 3, si è verificata una riduzione media del dolore articolare target riportato dal paziente del 52.4% ( P=0.016 ) per il gruppo 100 mg/die, 68.4% ( P=0.016 ) per il gruppo 300 mg/die, 55.8% ( P=0.063 ) per il gruppo 1.000 mg/die e 57.6% ( P=0.016 ) per il gruppo 2.000 mg/die.

Al giorno 7, c'è stata una riduzione media dell'82.1% ( P=0.031 ) per il gruppo 100 mg/die, 84.2% ( P=0.016 ) per il gruppo 300 mg/die, 68.9% ( P=0.031 ) per il gruppo 1.000 mg/die e 83.9% ( P=0.008 ) per il gruppo 2.000 mg/die, rispetto al basale. 25 su 34 pazienti ( 73.5% ) hanno riportato in totale 45 eventi avversi emergenti dal trattamento, la maggior parte dei quali erano disturbi del metabolismo e della nutrizione ( 17, 37.8% ) e disturbi gastrointestinali ( 10, 22.2% ).

Durante lo studio si sono verificati due eventi avversi gravi, il ricovero in ospedale a causa del peggioramento della riacutizzazione della gotta al giorno 3 e il ricovero in ospedale a causa della stenosi coronarica 18 giorni dopo aver ricevuto l'ultima dose; questi eventi sono stati considerati di gravità moderata e non-correlati al farmaco in studio.

Dapansutrile è un inibitore specifico dell'inflammasoma NLRP3 con un profilo di sicurezza ed efficacia soddisfacenti nella riduzione del dolore articolare target.
Sono necessari studi futuri per confermare il potenziale clinico di Dapansutrile. ( Xagena2020 )

Klück V et al, Lancet Rheumatology 2020; 2: 270-280

Reuma2020 Farma2020


Indietro